Dal ponte di accesso a Bibione verso ovest, si percorre in bicicletta una strada che fiancheggia da un lato l’idrovia della Litoranea Veneta e l’habitat lagunare incontaminato della Valgrande e della Vallesina, dall’altro i campi e le risaie di Terzo Bacino, con la sua storia di civiltà contadina che continua ancora oggi.

Il percorso procede attraverso la campagna aperta, punteggiata da casolari, dove ci si può godere la pace più assoluta, in tutte le stagioni dell’anno. E’ adatto anche ai ciclisti occasionali, così come a quelli più esperti e dotati di mountain bike; meglio evitare le ore più calde delle giornate estive.

Per visitare i tipici casoni dei pescatori proseguite in direzione Prati Nuovi imboccando la strada sterrata: arriverete sino all’argine che separa la terra ferma dalla laguna.